La risorsa globale per le prove scientifiche sulla sperimentazione animale

Loading
Main menu
Select a language
Search
Loading

Fu isolata l'insulina

Created by Isaac Yonemoto from NMR structure. Reproduced under a creative commons licence.Il diabete è noto da migliaia di anni. I sintomi sono rappresentati da sete ardente, rapida perdita di peso, stanchezza e minzione di grandi quantità di urina zuccherosa. Il diabete di Tipo ANCHOR, ovvero quello che richiede la dipendenza dall'insulina, è rapidamente fatale e deve esserre curato con un apporto di insulina per integrarne la carenza nel circolo sanguigno. La scoperta, l'isolamento e la purificazione dell'insulina avvenuta negli anni '20 rappresentò un significativo passo avanti nella medicina, perchè preveniva la morte prematura di molti pazienti affetti dalla malattia.

La storia del diabete

La ricerca sul diabete iniziò già nel XVIII secolo. Nel 1788 Thomas Cawley osservò1 che il pancreas dei pazienti morti di diabete risultava danneggiato. Tuttavia, all'epoca non vi era modo di dimostrare se ciò fosse una causa o un effetto: egli osservò altrettanti cambiamenti nel rene, nell'occhio, nei vasi sanguigni o nei nervi di questi pazienti. Nessuno di essi è causa di diabete: sono tutti effetti della malattia.

Nel 1889 Joseph von Mering e Oskar MinkowskiANCHOR dimostrarono che l’asportazione del pancreas del cane causava il diabete. Questa fu la prima dimostrazione di come esistesse un fattore antidiabetico prodotto dal pancreas che permetteva all'organismo di utilizzare correttamente gli zuccheri presenti nel sangue. Questo fattore nel 1915 Schafer lo denominò insulina, e in realtà fu individuata o isolata qualche anno prima.

Successivamente alla scoperta di von Mering e Minkowski, ci furono dei tentativi di isolare l'insulina ma questi fallirono. Uno dei più importanti fu quello di Georg ZülzerANCHOR, il quale impiegò alcol al posto dell'acqua per estrarre l'insulina riuscendo ad ottenere dei preparati attivi. Nel 1909 Forschbach impiegò dei cani il cui pancreas era stato rimosso per essere usato come modello di diabete, per dimostrare che uno degli estratti poteva ridurre del 90% la loro percentuale di zucchero nel sangue. Purtroppo, le impurità presenti nell'estratto denotavano che preparato di insulina aumentava anche la temperatura dell'animale. Seguirono dei tentativi di produrre estratti più puri e in questi studi clinici furono trattati due pazienti diabetici, ma vennero riportati degli effetti tossici, perciò l'impiego di questi estratti non ebbe seguito.

Purificazione dell'insulina

Fu nel 1921, mentre lavorava a Toronto, che il chirurgo Frederick Banting, insieme allo studente di medicina Charles Best diedero inizio ai tentativi di produrre insulina. Alla fine dello stesso anno, loro dimostrarono con dei classici esperimenti che gli estratti pancreatici riducevano i livelli di zucchero nel sangue, come? Rimuovendo lo  zucchero dall'urina dei cani il cui pancreas era stato asportato.ANCHOR Tuttavia, questi estratti, ancora una volta, causarono una febbre inaccettabile quando iniettati in pazienti diabetici.

Quando il biochimico, James Collip, si unì al gruppo di ricercatori di Toronto, egli preparò subito insulina dal pancreas di bue che risultò abbastanza pura per il trattamento dei pazienti diabetici.ANCHOR Per questo preparato, egli utilizzò una tecnica di estrazione con alcol per preparare soluzioni contenenti proteine diversi. Per scoprire se l'insulina fosse presente in ciascuna soluzione, e vedere anche in quale quantità, ne misurò la quantità, monitorando i livelli di zucchero nel sangue di conigli dopo che in essi era stata iniettata ciascuna soluzione. Collip sviluppò una misura di attività basata sulla capacità dell'estratto di abbassare il livello di zucchero nel sangue del coniglio. Questa misura fu usata per standardizzare gli estratti,ANCHOR fu un passo fondamentale poichè una dose eccessiva di insulina può essere fatale.

Gli estratti di Collip furono impiegati con successo nei cani e successivamente in pazienti nel 1922 con dei risultati eccezionali. Lo studio fu definito dalla rivista British Medical JournalANCHOR un "magnificente contributo al trattamento del diabete".


References

  1. Sharpe R (1988) The Cruel Deception.
  2. Thorsons Von Mering J & Minkowski O (1889) Diabetes mellitis nach pankreas extirpation. Archiv Exp Path Pharmak 26, 371
  3. Bonta I (1983) Folklore, Druglore and Serendipity in Pharmacology, in Discoveries in Pharmacology, vol 1 Ed Parnham M & Bruinvels J. Elsevier
  4. Bliss M (1983) The Discovery of Insulin. Paul Harris, Edinburgh
  5. Pratt J H (1954) A reappraisal of researches leading to the discovery of insulin. J Hist Med 9, 281
  6. Macleod J (1922) Insulin and diabetes Brit Med J 2 833
  7. Anon (1922) Brit Med J 2 , 140

Main menu
Select a language
Search
Loading