La risorsa globale per le prove scientifiche sulla sperimentazione animale

Main menu
Select a language
Search
Loading

La teoria dei germi della malattia

1881_2.jpg

© Michael Cook,
www.wormspit.com. Distributed under a creative commons licence.

La dimostrazione della teoria dei germi come causa delle malattie fu la conquista suprema dello scienziato francese Louis Pasteur. Non fu il primo a sostenere che le malattie erano causate da microscopici organismi, ma l'opinione era controversa nel XIX secolo, ed era in contrapposizione con l'accettata teoria della “generazione spontanea”.

Pasteur si pose l’obiettivo di capire il processo di fermentazione e presto si rese conto che l'alcol nel vino era prodotto dal lievito presente nella buccia degli acini d'uva. Durante la fermentazione il lievito osservato al microscopio appariva sano e in gemmazione, ma la formazione di acido lattico trasformava il vino in aceto quando fra le cellule del lievito si rilevava la presenza di altri microbi. Ulteriori analisi del vino misero in evidenza una quantità di complesse molecole organiche, alcune delle quali in grado di far ruotare il piano della luce, una proprietà dei composti prodotti da organismi viventi. Attraverso diversi esperimenti, Pasteur dimostrò che la fermentazione richiedeva il contatto con la polvere presente nell'aria.

Pasteur quindi rivolse la sua attenzione alla salute dei bachi da seta che producevano la seta per l'industria tessile. Scoprì che i bachi da seta sani, si ammalavano quando nidificavano nel giaciglio di quelli che avevano contratto la malattia. In quello studio Pasteur scoprì che l'ambiente influiva direttamente sul contagio e che la diffusione della malattia poteva essere controllata con la sterilizzazione. I suoi studi sul lievito avevano mostrato che i microbi potevano diffondersi per via aerea, e si rese conto che i due studi potevano trovare una diretta applicazione alla trasmissione delle malattie nell'uomo. Parlò dell'argomento all'Accademia di medicina di Parigi, e benchè le sue idee radicali fossero condivise solo da pochi fisici, alle sue raccomandazioni fece seguito l'introduzione di tecniche chirurgiche sterili.

La prova definitiva della teoria dei germi arrivò quando Pasteur fu in grado di far crescere il bacillo dell'antrace in un mezzo di coltura. Benchè l'antrace fosse stato isolato da Robert Koch, gli oppositori ritenevano che le spore scoperte dallo scienziato potessero essere nel mezzo di coltura stesso. Pasteur mise in una coltura sterile una goccia di sangue prelevato da una pecora in fin di vita a causa dell’antrace e vi fece crescere i bacilli. Ripetè questo processo fino a quando della coltura originale sulla piastra non rimase più nulla. La coltura definitiva produsse antrace quando veniva iniettata nella pecora dimostrando che il bacillo era responsabile della malattia.


Main menu
Select a language
Search
Loading