La risorsa globale per le prove scientifiche sulla sperimentazione animale

Loading
Main menu
Select a language
Search
Loading

Il metabolismo degli acidi grassi e la regolazione del colesterolo

Il Premio Nobel per la Fisiologia e la Medicina del 1964 è stato assegnato a Konrad E. Bloch e a Feodor F. K. Lynen per il loro lavoro sul meccanismo e la regolazione del metabolismo del colesterolo e degli acidi grassi.


Il colesterolo si trova nelle cellule animali e contiene 27 atomi di carbonio in ciascuna molecola. Gioca un ruolo essenziale nel funzionamento cellulare, costituisce le membrane delle cellule ed è il precursore della bile, del cortisone e di tutti gli ormoni steroidei. Può essere introdotto con la dieta e può essere prodotto dalle cellule del fegato e dell'intestino.


Bloch e Lynen hanno studiato la biochimica del colesterolo usando un metodo sviluppato nel laboratorio di Rudolf Schoenheimer, utilizzando radioisotopi come traccianti per seguire la via di particolari molecole nelle cellule e negli organismi viventi.


Utilizzando ratti in alcuni esperimenti, i due scienziati hanno legato all'acido acetico, un composto a due atomi di carbonio, isotopi radioattivi di carbonio e idrogeno, e hanno scoperto che l'acetato è uno dei componenti principale del colesterolo. La molecola di acetato, hanno osservato i ricercatori, fornisce tutti gli atomi di carbonio del colesterolo, e ne rappresenta quindi il blocco costitutivo. Infine, gli scienziati hanno scoperto che la trasformazione dell'acetato in colesterolo prevede 36 fasi differenti. La forma chimicamente attiva dell'acetato, acetil Coenzima A, diventa acido mevalonico, isoprene, squalene, lanosterolo e infine colesterolo.


In origine, Bloch aveva pensato di usare squali nei suoi esperimenti, perché lo squalene, uno degli idrocarburi trovato nella via metabolica del colesterolo, è presente in grandi quantità nel fegato di questi animali. La sua idea era di iniettare acido acetico radioattivo in uno squalo, di prelevare lo squalene dal fegato e di determinare se lo squalene giocasse un ruolo intermedio nella biosintesi del colesterolo. Tuttavia, l'animale non è sopravvissuto allo stato di cattività, e lo scienziato ha deciso di utilizzare ratti.


Comprendere la biosintesi e la regolazione del colesterolo nel corpo aumenta la nostra conoscenza della biochimica degli organismi viventi. Getta le basi per successive ricerche sulla cura di diverse patologie comuni, come lo scompenso cardiaco e l'infarto.



Main menu
Select a language
Search
Loading