La risorsa globale per le prove scientifiche sulla sperimentazione animale

Loading
Main menu
Select a language
Search
Loading

Salbutamolo – per l’asma

Sulla lista dei farmaci essenziali secondo l’OMS: SÌ

Nomi alternativi: salbutamolo solfato, Ventolin

 

Il salbutamolo o albuterolo appartiene alla famiglia di farmaci chiamati broncodilatatori adrenergici ed è in commercio con il nome Ventolin, tra gli altri marchi. È utilizzato per trattare o prevenire il broncospasmo nei pazienti che soffrono di asma, bronchite, enfisema e altri disturbi ai polmoni. Inoltre allevia la tosse, il respiro sibilante, il respiro corto e la difficoltà a respirare, aumentando il flusso d’aria attraverso i tubi bronchiali.

Il salbutamolo è stato il primo agonista selettivo per i recettori β2 a essere messo in commercio nel 1968 e da allora è stato utilizzato per il trattamento dell’asma. È stato approvato per l’uso negli Stati Uniti dalla Food and Drug Administration nel maggio del 1982. 

Il salbutamolo è inalato, in modo da agire direttamente sulla muscolatura liscia bronchiale nell’arco di 5-20 minuti dall’assunzione, anche se può dare anche un po’ di sollievo immediato. Gli agonisti per i recettori β2 fanno rilassare la muscolatura liscia delle vie aeree e causano broncodilatazione. Inoltre inducono vasodilatazione nei muscoli e nel fegato, fanno rilassare i muscoli uterini e causano il rilascio di insulina. I recettori β-adrenergici sono accoppiati con un enzima che produce una molecola messaggera (cAMP), che è responsabile della diminuzione della concentrazione di calcio nella cellula. I β2-agonisti inoltre aprono canali del potassio calcio-dipendenti ad alta conduttanza e in questo modo tendono a iperpolarizzare le cellule muscolari lisce delle vie aeree. La combinazione di diversi fattori – la diminuzione di calcio intracellulare, l’aumento della conduttanza di membrana al potassio e la diminuzione dell’attività della chinasi della miosina a catena leggera – porta al rilassamento della muscolatura liscia e alla broncodilatazione.

 

Rapporti tossicologici:

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/8067892

http://link.springer.com/article/10.1007%2Fs002040050059


Main menu
Select a language
Search
Loading